L’albero e lo stagno

In una bellissima valle vivevano felici un piccolo stagno e un bellissimo albero.
Erano molto amici, l’albero era molto grande e, grazie all’acqua dello stagno, aveva una folta chioma che faceva ombra al suo amico stagno.
Lo stagno a sua volta era fresco ed al riparo dai raggi del sole grazie all’ombra del suo amico albero.
Tutti gli animali della valle si recavano allo stagno per bere acqua fresca e riposarsi all’ombra dell’albero e gli uccellini svolazzavano e saltellavano da un ramo all’altro gustando i dolci frutti dell’albero.
Tutto andava bene, faceva gioire tutti gli animali di quell’angolo di valle e divennero tutti amici fra loro.

Un giorno però l’albero e lo stagno iniziarono a parlare della loro vita:
“Tutto questo è possibile grazie a me” disse il grande albero per fantarsi e farsi forte della sua stazza “la mia ombra, ristora gli animali della valle e protegge le acque dello stagno!”
Lo stagno ribellandosi rispose: “Non è assolutamente verò! Tutto è possibile grazie a me, che con le mie acque fresche disseto e ristoro te e tutti gli animali della valle, rendendoti così maestoso”

La discussione sfociò in un litigio finchè infine lo stagno disse: ”Se potessi mi sposterei da qui per farti capire che ho ragione”
”Ma io posso farlo!” rispose l’albero “e vedrai ti dimostrerò che la ragione è mia”
Così dicendo si allontanò di qualche metro.
I giorni passarono e giorno dopo giorno le foglie dell’albero iniziarono a diventare sempre più gialle e piano piano cominciarono a cadere, mentre lo stagno, non più protetto dall’ombra dell’albero, si rimpiccioliva ogni settimana sempre più, causando la morte di molti pesciolini.

Gli animali non si abbeveravano più allo stagno, perché ormai l’acqua era diventata fangosa e non si riposavano più all’ombra dell’albero perchè ormai era diventata così piccola da non rinfrescarli più.

Lo stagno, infine, con un sussurro chiamò l’albero e disse: ”Che stupidi e presuntuosi siamo stati, guarda la fine che stiamo facendo! Avvicinati a me e facciamo tornare tutto come prima”

”Lo farei molto volentieri” rispose l’albero “ma la mia forza è ormai esaurita, sono troppo debole perchè da troppo tempo non bevo la tua acqua… mi dispiace amico mio”

 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...